Il Teide Vulcano – El volcán

Il Teide è un vulcano situato sull’isola di Tenerife (Isole Canarie, Spagna). Con un’altezza di 3718 metri sul livello del mare e 7500 metri sopra il letto dell’oceano, è la vetta più alta della Spagna e di qualsiasi terra emersa dall’Oceano Atlantico e il terzo più grande vulcano della terra dalla sua base sul letto dell’oceano, dopo Mauna Kea e il Mauna Loa, entrambi sull’isola di Hawaii ed in oltre con la sua altitudine il Teide situa l’isola di Tenerife nella decima posizione come l’isola  più alto tutto il mondo.

La montagna più alta di Spagna, un vulcano attivo che ha fatto sentire la sua potenza per l’ultima volta nel lontano 1909, e che potrà farlo da un momento all’altro, l’unica “buona” speranza è che ha un ciclo di eruzione di circa 150.000 anni.

Teide, dalla parola Echeyde che significa inferno, venne nominato dai Guanci, l’antico popolo che viveva l’isola e che vedevano nel monte l’aldilà, la leggenda narra che Guayota dio del male, rapì Magec dio del sole e della luce, portandolo con sè all’interno della montagna,  e dopo l’invocazione dei Guanci al dio Supremo Achaman riuscì a sottrarre Magec a Guayotacoprendo il vulcano con il pan di zucchero,  lasciando all’interno il diavolo.

Il Teide è uno tra i vulcani attivi della terra, ciò si può notare anche dalla presenza delle “fumarole”(fuoriuscita di gas solfurei provocati dal contatto dell’acqua con le rocce calde), si presume che la prossima eruzione sia molto violenta a causa della sua struttura ben consolidata, gli stessi studi hanno evidenziato che essa risulta essere molto simile a quella delVesuvio e dell’Etna. La sua altezza come dicevo prima, gli da il primato di montagna più alta di Spagna, 3718 metri s.l.m. mentre circa 7000 dalla piattaforma oceanica, oltre ad essere la cima più alta dell’atlantico e il terzo vulcano più grande del mondo dalla  piattaforma, essendo anche uno dei vulcani attivi più alti del continente africano.

Si dice che la sua altezza prima arrivasse quasi a 5000 metri s.l.m ma una eruzione esplosiva distrusse la parte conica superiore dando origine alla catena della Canada che crollando verso Nord diede origine all’attuale conformazione allungata dell’isola, successive eruzioni diedero la forma all’attuale a cono visibile grazie alla sua altezza anche da 400 miglia di distanza, come dicevano i marinai di un tempo.

Il Teide, oltre ad avere questi primati, dati dalla sua maestosità, nelle sue coste dal 1954 è stato costituito il Parco Nazionale per preservare le meraviglie della natura, date dal clima particolare favorendo la nascita di flora e fauna e di ricchezze biologiche, decisamente uniche nel suo genere, trasformandolo in un paesaggio fantastico di forme e colori. Tale spettacolo risulta essere una ricchezza inestimabile per l’isola di Tenerife, infatti vengono organizzate gite turistiche escursioni, e attività  talvolta anche estreme, sul Teide dove dalle calde spiagge si passa gradatamente alle temperature invernali che si raggiungono al Pico del Teide la vetta, dove anche per molti mesi l’anno predomina il paesaggio innevato, risalendo la cima si possono scorgere molteplici meraviglie, alcune dovute all’erosione della roccia vulcanica da parte degli agenti atmosferici:

  • Roques de Garcia

una formazione rocciosa levigata, erosa e deformata dalla neve, dal vento dal sole e dall’acqua, formando delle sculture surreali, come el roche Cinchado, una formazione rocciosa a forma di albero, o el dito de Dios.

  • Il Parador

l’unica struttura ricettiva autorizzata del parco che con le sue 34 stanze offre un ristorante e soprattutto una vista mozzafiato, decisamente in stile montanaro offre specialità del luogo.

  • Los Azulejos

formazioni di lava verdastre a causa dell’ossido di ferro

  • Las Canadas

da dove è possibile vedere l’antica struttura del cono e dove si trova la storia eruttiva del Teide di almeno 3 milioni di anni, è uno dei coni vulcanici più grandi del mondo con un perimetro di circa 45 km.

Molte altre cose del parco infine è impossibile vederle perchè presenti nei meandri della vegetazione, tra cui circa 700 specie di invertebrati, di cui quasi il 70% si possono trovare solo qui.

Come arrivare?

  • Guagua (autobus):
    • Da Puerto de la Cruz, linea 348.
    • Da Costa Adeje, linea 342.
  • Auto:
    • Dal nord lungo la strada TF-21 La Orotava-Granadilla o la strada TF-24 La Laguna-El Portillo.
    • Dal sud lungo la strada TF-21.
    • Dall’ovest lungo la strada TF-38 Boca Tauce-Chío.

Cosa vedere?

Percorrere la zona, persino in macchina, è un vero spettacolo. Il paesaggio è impressionante, in tutti i sensi. Per conoscerlo in maniera più approfondita, la cosa migliore è salire per una strada e scendere per un’altra. Il contrasto maggiore lo offrono quelle che arrivano dal nord e quelle che arrivano dal sud. Las Cañadas del Teide formano una gigantesca Caldera di circa 17 km di diametro sulla quale poggia il Pico del Teide, alto 3.718 metri, che rappresenta la maggiore altitudine della Spagna e il terzo vulcano più alto al mondo. La neve del picco e le colate di lava che colano per i suoi versanti formano una combinazione unica che non ti stancherai di ammirare.

Se vieni in primavera non puoi perderti la meravigliosa viperina di Tenerife, che può arrivare fino ai 3 metri di altezza e che offre migliaia di minuscoli fiori di un rosso intenso. Un altro tesoro unico al mondo è la violetta del Teide, emblema e orgoglio del Parco, che si trova unicamente al disopra dei 2.500 m di altitudine. Se riesci a vederla, potrai sentirti molto, molto fortunato.

Se il paesaggio e la vegetazione sono come di un altro pianeta, la fauna non è da meno. Osserva bene gli animali più piccoli. Gran parte degli insetti che vedrai non li troverai in nessun altro posto. Potrai vedere anche rettili unici, come la gallotia delle Canarie, la tarantola o la fienarola. Se sei un appassionato di uccelli, qui potrai avvistare il gheppio, l’averla maggiore e alcune specie endemiche come il fringuello azzurro. Pur trattandosi di una specie introdotta dall’uomo, è importante citare un mammifero importante: il muflone corso. Ti sfidiamo a trovarlo perché è molto schivo alla presenza dell’uomo.

Cosa fare?

Una delle esperienze più emozionanti che ti attendono nel Parco Nazionale è quella di salire sulla funivia. La stazione base è a un’altitudine di 2.356 m e la stazione superiore a 3.555m. Il transito tra le stazioni dura circa 8 minuti e la sensazione è elettrizzante. Una volta concluso il percorso potrai goderti le straordinarie viste dal belvedere.

Pur essendo salito sulla funivia fino alla stazione superiore, ancora non puoi affermare di essere stato sul punto più alto della Spagna. Da qui parte un sentiero per salire a piedi fino al cratere. Ci si impiegano circa 40 minuti e la difficoltà è alta, ma potrai vantarti di fronte ai tuoi amici di essere arrivato con impegno fino al tetto del paese. Se hai la fortuna di capitare in un giorno sereno, sarai rapito dalle viste di fino a 4 isole dalla cima di questa mole impressionante: Gran Canaria, La Palma, El Hierro e La Gomera, oltre all’isola di Tenerife stessa che si mostrerà ai tuoi piedi orgogliosa della sua bellezza. Per godere di quest’indimenticabile esperienza è necessario disporre di un permesso speciale che va richiesto presso il sito www.reservasparquesnacionales.es. È consigliabile prenotare con uno o due mesi di anticipo a seconda dell’epoca dell’anno. Il permesso è gratuito ed è valido unicamente per la data scelta. Se per cause meteorologiche o di altro tipo non fosse possibile realizzare la visita, il permesso scade.

Se trascorri la notte presso il Refugio de Altavista, non dovrai inoltrare il permesso di accesso al Pico del Teide per vedere l’alba. A patto che abbandoni il sentiero entro le nove del mattino. Dovrai dunque alzarti di buon’ora, salire e scendere al più presto! Ti assicuriamo che ne vale la pena.

Mantenere un contatto pieno con la natura selvaggia del Parco Nazionale è possibile grazie a una Rete di Sentieri che ti consentirà di realizzare itinerari autoguidati o accompagnato da guide ufficiali (tutti i giorni dell’anno, eccetto l’1 e il 6 gennaio e il 25 dicembre). Gli itinerari variano in lunghezza, tempo di percorso e grado di difficoltà. Nel caso in cui tu scelga una visita guidata, la devi richiedere presso l’ufficio del Parco Nazionale da lunedì a venerdì (dalle ore 9 alle ore 14), al telefono 0034 922 92 23 71, all’indirizzo di posta elettronica teide.maot@gobiernodecanarias.org o presso i Centri Visitatori del Parco Nazionale.

Dall’Ufficio del Portillo partono le seguenti visite guidate:

  • Arenas Negras 2 h – 2 h 30 min.
  • La Fortaleza 3 h 30 min.
  • Risco Verde 3 h.

Partenze alle ore 9:15 e alle 13:30 (eccetto La Fortaleza, che ha unicamente una partenza al mattino presto).

Dal Centro Visitatori di Cañada Blanca partono visite guidate verso:

  • Roques de García 2 h – 2 h 30 min.
  • Degollada de Guajara 3 h 30 min.
  • Guajara 5-6 h.

Partenze alle ore 9:30 e alle 13:00, la prima (le altre due solo alle ore 9:30).

Da entrambi i punti parte la visita guidata di:

  • Siete Cañadas (un senso) 4-5 h. (solo andata).

Partenze alle ore 9:15 o alle 9:30.

Se decidi di fare un itinerario per conto tuo per andare al tuo ritmo, ascoltare il silenzio e sentirti minuscolo davanti all’immensità che ti circonda, lo troverai perfettamente indicato e segnalato. In qualsiasi caso, presso l’ufficio e i centri visitatori ti potranno fornire tutte le informazioni extra di cui hai bisogno.

In pochi luoghi al mondo un paesaggio straordinario accoglie anche degli impianti scientifici di prim’ordine. Gli impianti dell’IAC (Istituto Astrofisico delle Canarie) sono tra i più importanti al mondo. Puoi visitarli e conoscere da vicino i segreti dell’Universo mettendoti in contatto con l’azienda Volcano Life che offre visite guidate in spagnolo, inglese e tedesco su richiesta chiamando al 0034 637 365 429 o via email reservas@volcanolife.com Puoi anche visitare il sito volcanolife.com Se la visita al Parco già ti ha fatto sentire piccolo, trovarti sommerso nei misteri del cosmo ti mostrerà la nostra vera dimensione nell’Universo.

Quest’Osservatorio è stato installato a Tenerife perché, con La Palma, Cile e le Hawaii, presenta il miglior cielo del mondo per osservare le stelle. Una legge autonomica, nota con il poetico nome di Legge del Cielo, controlla l’inquinamento luminoso ed evita che il “progresso” tolga agli abitanti di Tenerife uno di questi meravigliosi piccoli piaceri che offre la natura: la contemplazione della volta celeste. Inoltre, l’isola detiene la certificazione internazionale di destinazione Starlight. Vi sono istituzioni e aziende specializzate in “turismo delle stelle” che offrono informazione e visite guidate. Nella sezione “Osservazione delle Stelle” ti mostriamo informazioni più dettagliate.

Come già sai, le meraviglie del Parco non sono solo nel cielo ma anche a terra. Vicino al Centro Visitatori del Portillo, troverai il Giardino Botanico, che offre la possibilità di ammirare specie di piante di alta montagna delle Canarie difficili da vedere nel loro ambiente naturale e molte di queste endemiche del Parco e dell’isola.

Se vuoi che il tuo contatto con l’ambiente sia ancora più profondo, ti raccomandiamo di alloggiarti presso il Refugio de Altavista. Situato a un’altitudine di 3.270 m, pernottarvi è una vera esperienza, purtroppo è permesso unicamente per una notte. Normalmente si dorme qui per accedere molto presto al cratere senza bisogno di permesso e ammirare, dalla cima, un’alba assolutamente indimenticabile. Arrivando al rifugio, gli ospiti ricevono la biancheria da letto e possono riscaldare alimenti liquidi in cucina. Le tariffe oscillano tra i 10 e 20 euro e la prenotazione si può fare via Internet telefericoteide.com/altavista.

Infine, nel Parco Nazionale ci sono due Centri Visitatori aperti tutti i giorni (tranne il 25 dicembre e l’1 gennaio). Il Centro Visitatori del Portillo mostra la storia geologica del Parco e i rapporti tra gli esseri viventi che vi abitano e il loro habitat. Il Centro Visitatori di Cañada Blanca mostra l’interazione e l’influenza tra l’uomo, le Cañadas e il Teide. L’orario di ricevimento di entrambi è dalle ore 9:00 alle 16:00.

Cosa portare?

In alta montagna qualsiasi sforzo fisico prolungato è spossante, dovrai quindi dosare le tue energie per non stancarti prima del tempo. Porta acqua o una bevanda isotonica e alimenti energetici come frutta o frutta secca. Indossa calzature adatte al terreno sciolto e pietroso di montagna. D’inverno, prendi più precauzioni, specialmente se ha nevicato; e d’estate, non dimenticare che le radiazioni solari sono molto forti e possono causare gravi ustioni, è importante usare un protettore solare e indossare un berretto. In ogni caso, è consigliabile portare indumenti pesanti e un’impermeabile in qualsiasi epoca dell’anno perché il clima può essere molto instabile. Infine, non dimenticare di mettere il cellulare nello zaino.

Cosa non portare via?

Pietre. Anche se è una vera tentazione prendere qualche pietra vulcanica con strane forme, è un grave attentato al paesaggio ed è totalmente proibito. Ricorda che il miglior souvenir è quello che porti nei tuoi ricordi e in fondo al cuore.

Come raggiungere il Pico del Teide:

  • A Piedi

per i più allenati, con circa 6 ore di cammino e con un abbigliamento cosiddetto a cipolla, è possibile raggiungere la vetta, ammirando in prima linea tutte le sue bellezze.

  • Con la teleferica

che arriva fino alla Rambleta 3555 metri per poi terminare con una camminata di circa 200 metri, ma attenzione è possibile arrivare al Pico tramite questo sentiero solo dopo aver avuto una speciale autorizzazione che deve essere richiesta  tramite fax o via mail a la Officina del Parco Nazionale del Teide ai seguenti numeri utili:

Orario dalle 9 alle 14 dal lunedì al venerdì.
Via Emilio Calzadilla, nº 5 – 4ª planta (38002 Santa Cruz de Tenerife)
Telefono. 922 290129 – 922 290183
Fax: 922 244788
email : teide@oapn.mma.es

Il prezzo di andata e ritorno per accedere al Teleferico del Teide è di 25 euro per gli adulti e di 12,5 euro per i bambini . Il prezzo di sola andata o solo ritorno cioè un tragitto è di 12,5 euro per gli adulti e di 8 euro per i bambini . Il tour dura circa 8 minuti e la capienza massima della cabina per viaggio è di 38 persone , con una velocità di 8 metri al secondo.

Il Teleferico del Teide è una funivia che va in parallelo alla pendenza della parte Teide da circa 2356 metri cioè dalla base del monte Teide  fino alla stazione di La Rambleta situata a 3.550 metri sul livello del mare. Il servizio viene effettuato (salvo maltempo) ogni giorno, dalle ore 09:00 di mattina fino alle ore 16:00 del pomeriggio , l’ultima discesa è eseguita alle ore 16:50.

La salita verso la vetta del monte Teide , che con i suoi 3718 metri è il picco più alto della Spagna, è un’esperienza che dobbiamo fare se stiamo visitando l’isola . Il Teleferico del Teide permette quasi a chiunque, indipendentemente dalla loro condizione fisica , di raggiugere quasi la sommità della vetta , la Rambleta a 3.555 metri . Il resto della salita, poco più di 200 metri, fino alla vetta del Teide deve essere fatto a piedi .

https://www.tenerife-canarie.com/islas-canarias/santiago-del-teide/

Pubblicato in COSA VISITARE TENERIFE, ESCURSIONI TENERIFE, PARCHI NATURALI TENERIFE, Santiago del Teide Cosa Visitare, Santiago del Teide Tenerife, TENERIFE, VIVERE TENERIFE e VIVERE TENERIFE

SCHEDE SIMILI